Salta al contenuto principale

INSIEME,

troviamo soluzioni

comprimi barra di ricerca
 

Briciole di pane

Home / Confcommercio Trentino e sindacati sottoscrivono un protocollo d’intesa

Confcommercio Trentino e sindacati sottoscrivono un protocollo d’intesa

Aperta una nuova stagione di dialogo tra le parti: l’obiettivo è la sottoscrizione dell’accordo territoriale di secondo livello

21/12/2017 da Comunicazione

TRENTO. Confcommercio Trentino e le Organizzazioni sindacali Filcams CGIL, Fisascat CISL e Uiltucs UIL, hanno sottoscrittooggi un protocollo d’intesa, risultato degli incontri sindacali intercorsi negli ultimi mesi, durante i quali si è concordato di dare un nuovo corso alle relazioni del settore e di attivare un percorso condiviso finalizzato, per gli ambiti di intervento delegati alla contrattazione integrativa territoriale dal Contratto Collettivo nazionale, alla sottoscrizione di un Accordo integrativo di 2° livello.

«Esprimo ampia soddisfazione – ha dichiarato il presidente di Confcommercio Trentino Giovanni Bort – rispetto alla sottoscrizione di questa intesa ed all’attivazione di un percorso condiviso che dovrebbe portarci alla sottoscrizione di un accordo territoriale di 2°livello».

«Confcommercio Trentino – spiega Marco Fontanari, vicepresidente e delegato alle politiche del lavoro di Confcommercio Trentino – sta investendo fortemente nella promozione e sensibilizzazione delle imprese associate sui temi della formazione, dell’alternanza scuola-lavoro, del welfare aziendale e delle politiche attive del lavoro. In particolare, sul tema del welfare aziendale, che rappresenta uno dei maggiori elementi di novità e innovazione in questi anni, abbiamo attivato la piattaforma Trecuori che coniuga welfare aziendale, marketing sociale e territoriale, attraverso il coinvolgimento delle associazioni no profit del territorio. Siamo disponibili a condividere con tutti gli attori del territorio, organizzazioni sindacali e istituzioni locali, nuove strategie per lo sviluppo economico e sociale del Trentino, che garantiscano l’innalzamento dei livelli di qualità, competitività e produttività del sistema».