Salta al contenuto principale

INSIEME,

troviamo soluzioni

comprimi barra di ricerca
 

Briciole di pane

Home / Nuove regole fiscali per le locazioni brevi

Nuove regole fiscali per le locazioni brevi

18/09/2017 da Comunicazione

L’art. 4 del  D.L. 50/2017 ha previsto una nuova disciplina fiscale per le locazioni brevi. La  novità interessa  solamente i contratti di:

  • locazione di immobili a uso abitativo;
  • di durata non superiore a 30 giorni (compresi  anche i contratti  che prevedono la prestazione dei servizi di fornitura di biancheria e di pulizia dei locali).

Per la sopracitata tipologia di contratti, stipulati a decorrere dal 1° giugno 2017,  il legislatore ha  confermato che è possibile optare per l’applicazione della cedolare secca  nella misura del 21%.

N.B.: l’applicazione della cedolare è possibile quando il locatore è una persona fisica che agisce al di fuori dell’esercizio d’impresa (quindi a titolo “privato”). Pertanto non possono avvalersi di tale possibilità le società di persone o di capitali.

Nuovi adempimenti per gli intermediari

I soggetti che esercitano l’attività di intermediazione immobiliare (anche tramite portali online), quindi mettono in contatto coloro che ricercano  immobili abitativi  per le vacanze con coloro che tali immobili possiedono, sono obbligati ad inviare all’Agenzia delle Entrate i dati dei contratti conclusi per il loro tramite (a partire dalla sopracitata data del 1 giugno 2017).   Un apposito provvedimento dell’Agenzia delle Entrate dispone che la trasmissione deve avvenire entro il 30 giugno dell’anno successivo a quello di conclusione del contratto (es: entro il 30 giugno 2018 saranno comunicati i dati delle locazioni del 2017). 

È stato inoltre previsto che  gli intermediari che incassano i canoni o i corrispettivi ovvero intervengono nel pagamento dei predetti compensi, sono tenuti a operare una ritenuta del 21% all’atto del pagamento al beneficiario dei canoni o dei corrispettivi stessi. Tale ritenuta è da considerare:

  • a titolo di acconto qualora in locatore  decida di  tassare  in modo ordinario il canone di locazione;
  • ovvero a titolo d’imposta nel caso di opzione per la cedolare secca.

Gli intermediari che operano tale ritenuta, sono  tenuti a versare tale somma entro il giorno 16 del mese successivo a quello di effettuazione, tramite il modello F24 ed a rilasciare la relativa certificazione. 

Informazioni

Servizi Imprese CAF Srl, dott. Claudio Stefani (tel. 0461/880518), dott. Mauro Longo (tel. 0461/880600).