Salta al contenuto principale
foto4 foto3 commercio al dettaglio foto1

INSIEME,

troviamo soluzioni

 
comprimi barra di ricerca
 

Briciole di pane

Home / Obbligo mascherine anche all'aperto e sospensione attività di ballo

Obbligo mascherine anche all'aperto e sospensione attività di ballo

L'Ordinanza del Ministero della Salute firmata ieri dal Ministro Speranza e in vigore da oggi

17/08/2020 da Ufficio stampa

È stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale l’ordinanza del Ministro della Salute che dispone - con effetti dal 17 agosto 2020 sino alla adozione di un successivo DPCM e, comunque, non oltre il 7 settembre 2020 - le seguenti ulteriori prescrizioni:

  1. obbligo dalle ore 18.00 alle 06.00 sull'intero territorio nazionale di usare protezioni delle vie respiratorie anche all'aperto, negli spazi di pertinenza dei luoghi e locali aperti al pubblico nonché negli spazi pubblici (piazze, slarghi, vie, lungomari) ove per le caratteristiche fisiche sia più agevole il formarsi di assembramenti anche di natura spontanea e/o occasionale;
  2. sospensione, all'aperto o al chiuso, delle attività del ballo che abbiano luogo in discoteche, sale da ballo e locali assimilati destinati all'intrattenimento o che si svolgono in lidi, stabilimenti balneari, spiagge attrezzate, spiagge libere, spazi comuni delle strutture ricettive o in altri luoghi aperti al pubblico.

Rispetto a tali prescrizioni, le Regioni possono introdurre ulteriori misure solo in termini più restrittivi.

La violazione delle misure sopra indicate è punita - ai sensi dell’articolo 4 del decreto legge 25 marzo 2020, n.19, convertito, con modificazioni dalla legge 22 maggio 2020 n.35 -  con  la sanzione amministrativa pecuniaria (da 400 a 1.000 euro) e, nel caso di violazione commessa nell'esercizio di un’attività di impresa, con la sanzione amministrativa accessoria della chiusura dell’attività(da 5 a 30 giorni). In caso di reiterazione della stessa violazione la sanzione amministrativa è raddoppiata e quella accessoria è applicata nella misura massima.

Sarà cura di Confcommercio Trentino informare tempestivamente gli associati su eventuali provvedimenti o ulteriori note illustrative predisposte dalla Provincia Autonoma di Trento.