Salta al contenuto principale

INSIEME,

troviamo soluzioni

comprimi barra di ricerca
 

Briciole di pane

Home / Going global. West & East | Forum Annuale di AlpEuregio BusinessClub

Oggi a Bolzano

Going global. West & East | Forum Annuale di AlpEuregio BusinessClub

Il tema dell'incontro: consolidare la competitività nelle regioni mitteleuropee

01/03/2018

Nella mattinata di oggi, presso il Museo Mercantile di Bolzano, si è tenuto l’appuntamento annuale dell’ExecutiveForum organizzato dall’AlpEuregio.BusinessClub, il business network indipendente composto da imprenditori e imprenditrici, provenienti da Germania meridionale, Austria, Svizzera e Italia settentrionale, con l’obiettivo di rafforzare la competitività internazionale dei rispettivi ambiti economici attraverso un mirato scambio di opinioni sulle opportunità e i rischi legati ai rispettivi mercati esteri di riferimento.

Solitamente, in occasione dei forum annuali vengono affrontati temi di attualità e discusse possibili soluzioni concrete. Argomento centrale dell’evento di quest’anno è stato il fenomeno della globalizzazione – verso Ovest e verso Est – sviluppato, di fronte a un pubblico di addetti ai lavori, attraverso le testimonianze di dieci relatori che hanno illustrato le loro esperienze internazionali su mercati lontani come l’India, la Cina e l’America settentrionale, ma anche su quelli più vicini come la Croazia e l’Ungheria.

L'ascolto di numerosi punti di vista e testimonianze provenienti da diversi comparti economici e imprese di tutte le dimensioni – dalla piccola e media impresa al global player – ha proposto e suggerito molti approcci interessanti.

Per la parte altoatesina sono intervenuti Ulrich Ladurner (Dr. Schär AG, Postal), Werner Amort (Prinoth S.p.A., Vipiteno), Anton Seeber (Leitner S.p.A., Vipiteno) e Helmuth Senfter (Senfter Holding S.p.A., San Candido); il Trentino è stato invece rappresentato da Lorenzo Delladio (La Sportiva, Ziano di Fiemme), Enrico Zobele (Zobele Group, Trento), Fabio Maccari (Nosio, Mezzocorona).

Sul fronte istituzionale, Christoph Leitl, Presidente di Eurochambres a Bruxelles e Copresidente dell’AlpEuregio.BusinessClub, ha sottolineato l’importanza di staccarsi dai mercati principali per puntare a nuove destinazioni. “Soprattutto nella fase attuale di ripresa – ha spiegato – non possiamo permetterci di dormire sugli allori; dobbiamo invece creare nuove opportunità di vendita. Network e cooperazioni all’estero possono facilitare l’accesso a nuovi mercati”.

Dello stesso avviso è anche Michl Ebner, Presidente della Camera di Commercio di Bolzano: “La quota export dell’Alto Adige, pari al 19%, è di poco superiore a quella del Trentino, ma nettamente inferiore a quella del Tirolo che raggiunge il 37%. La metà delle esportazioni altoatesine è destinata a mercati vicini come Germania, Austria, Francia e Svizzera. Per poter superare eventuali crisi future urge esplorare nuovi mercati”.

 

“Sono convinto – ha concluso Giovanni Bort, Presidente della Camera di Commercio di Trento – che la performance di tutti i nostri territori sui mercati esteri possa migliorare anche grazie a occasioni come quella di oggi in cui i confini politici di Stati e regioni vengono superati da quelli di affinità e complementarità tra territori prossimi ed è altrettanto importante che a questo abbattimento di barriere corrisponda l’ampliamento delle frontiere verso cui spingere i rispettivi interessi economici. Questo contesto apre la strada alla collaborazione intelligente, alla condivisione e al confronto, elementi necessari per approdare con la necessaria consapevolezza e celerità a uno sviluppo solido e sostenibile”.