Salta al contenuto principale
foto4 foto2 foto3foto1

INSIEME,

troviamo soluzioni

 
comprimi barra di ricerca
 

Briciole di pane

Home / L’Assemblea del gruppo Giovani Imprenditori del Terziario

L’Assemblea del gruppo Giovani Imprenditori del Terziario

30/11/2018 da Comunicazione

TRENTO.  Lunedì 26 novembre alle ore 19 presso Ferrari Incontri - Cantine Ferrari Trento, si è concluso l’anno operativo 2018 del Gruppo Giovani Imprenditori di Confcommercio Trentino, con i lavori assembleari durante i quali sono stati illustrate le attività del Gruppo e gli obiettivi raggiunti mediante un ampio spettro di attività. Dopo la visita della cantina, con la guida del Vicepresidente di Ferrari F.lli Lunelli S.p.A., Marcello Lunelli, sono iniziati i lavori di assemblea.

Oltre ad una settantina di associati sono intervenuti quali graditi ospiti il neoeletto governatore della Provincia Maurizio Fugatti, il presidente nazionale dei Giovani Imprenditori di Confcommercio Andrea Colzanied il Presidente della Camera di Commercio e presidente di Confcommercio Trentino Giovanni Bort, nonché rappresentanti dell’Agenzia del Lavoro di Trento, i quali, moderati dal presidente del Gruppo trentino, Paolo Zanolli, hanno manifestato il loro impegno a favore del passaggio generazionale in azienda e riassunto i servizi che l’ente pubblico mette a disposizione sia dei Giovani che delle imprese in cerca di giovani talenti.

Dopo la relazione del Presidente di Confcommercio Giovani del Trentino Paolo Zanolli, nella quale sono emerse le tematiche e le criticità ricorrenti tra le imprese under 40, l’intervento del governatore è stato il seguente: «Vorremmo far partire un tavolo di concertazione con le categorie produttive – ha annunciato Fugatti – per affrontare il tema della semplificazione burocratica. Lo faremo al più presto perché sappiamo quanto sia importante, per le imprese e gli operatori economici, snellire e velocizzare le pratiche amministrative. Siamo fortemente impegnati anche sul tema della sicurezza. Abbiamo chiesto alle forze dell’ordine di porre la massima attenzione su certe zone della città e sulle periferie, dove spesso è veramente difficile lavorare per i commercianti. Le istituzioni devono impegnarsi per garantire a chi lavora di poterlo fare nella massima serenità. Sugli appalti siamo d’accordo con voi – ha detto – dobbiamo fare in modo che abbiano una maggiore ricaduta sulle imprese locali. Di grande importanza per la nuova amministrazione è anche il tema del potenziamento delle infrastrutture, che possono rappresentare un volano per l’economia della provincia. Il Trentino ha bisogno di giovani come voi – ha concluso il presidente Fugatti – che credono nel futuro e che abbiano voglia di fare impresa».

In chiusura il Presidente Zanolli ha salutato l’assemblea lanciando questo messaggio al mondo politico ed economico: «Cerchiamo di rendere il Trentino un territorio ancora più attraente dal punto di vista imprenditoriale, culturale e sociale, in modo da attrarre giovani talenti e nuove imprese, cercando di fermare l’emorragia di giovani cervelli che sta lasciando il nostro Paese. Dal sondaggio di Confcommercio Giovani, presentato al Forum Nazionale di Sirmione, è risultato che oggi tra i giovani imprenditori solo 1 su 3 è convinto che nel prossimo futuro ci sarà spazio per un giovane che voglia fare impresa con le proprie forze. In un clima di incertezza e sfiducia è importante consolidare le basi per incentivare l’iniziativa imprenditoriale come strumento per creare lavoro e dare valore aggiunto al territorio. Valorizziamo, quindi, i giovani per tenerli nella nostra realtà, tramite incentivi all’imprenditoria e una semplificazione della burocrazia. Colui che investe nella propria formazione o nel proprio percorso lavorativo andando a fare esperienza all’estero o in altri territori deve sapere che potrà tornare in un contesto stimolante, gratificante e dinamico. Diamo spazio concreto nella nostra società a coloro che hanno competenze, idee e capacità in modo che possano portare quell’innovazione e quelle energie esclusive di quest’età anagrafica. Questo perché noi non vogliamo essere il futuro della nostra provincia, ma il presente che lavora per costruirlo». (tm)