Salta al contenuto principale
piazza Duomo commercio al dettaglio montagna neve

INSIEME,

troviamo soluzioni

 
comprimi barra di ricerca
 

Briciole di pane

Home / Ordinanza provinciale, chiarimenti sui servizi di ristorazione e somministrazione all'aperto

Ordinanza provinciale, chiarimenti sui servizi di ristorazione e somministrazione all'aperto

La Provincia autonoma di Trento ha emesso un documento di precisazione in vista del "super Green pass"

03/12/2021 da Ufficio stampa

Con ordinanza n. 83 del 2 dicembre, il Presidente della Provincia ha inteso fornire alcuni chiarimenti in merito ai servizi di ristorazione o somministrazione di pasti e bevande all'aperto.

In particolare, al fine della applicazione della disciplina della certificazione verde Covid19 (c.d. green pass), si chiarisce che per ristorazione o somministrazione di pasti e bevande all'aperto, svolti da qualsiasi esercizio - compresi gli operatori agrituristici ed enoturistici, al fine di contrapporla a quella al chiuso, deve intendersi la ristorazione o somministrazione di pasti e bevande svolta in una struttura anche con un solo lato libero (lato libero che può essere rappresentato anche dall'assenza del tetto). Il lato libero può prevedere la presenza di balaustre, fioriere o barriere che non possono però avere un'altezza superiore a 90 cm. 

Come noto, dal prossimo 6 dicembre 2021 e fino al 15 gennaio 2022 saranno operative le nuove disposizioni sul "green pass rafforzato" che si ottiene solo con la vaccinazione o con la guarigione e non più anche con un tampone negativo. Il green pass rafforzato sarà obbligatorio per accedere, in zona bianca e gialla, a ristoranti e bar (solo al chiuso), feste e discoteche, cerimonie pubbliche, nonché spettacoli ed eventi sportivi. 

Il possesso del green pass rafforzato non è richiesto invece per lo svolgimento del servizio di mensa e catering continuativo su base contrattuale, ai quali si applicano le disposizioni sul green pass base (che si ottiene anche con tampone negativo).

Scarica l'ordinanza

Informazioni
Per informazioni è possibile contattare la propria Associazione di categoria e l'Ufficio legislativo (0461/880111).