Salta al contenuto principale
foto4 foto2 foto3foto1

INSIEME,

troviamo soluzioni

 
comprimi barra di ricerca
 

Briciole di pane

Home / Conferenza Programmatica di Fiavet a Chianciano Terme

Conferenza Programmatica di Fiavet a Chianciano Terme

Fiavet Trentino Alto Adige intende assicurare ai propri associati che sarà messa in campo ogni necessaria azione di tutela verso gli operatori del turismo, sopratutto nei tavoli con il Ministero in cui Fiavet Nazionale sta rappresentando gli imprenditori della categoria.

26/02/2020

Fiavet Trentino Alto Adige, in questi giorni impegnata alla Conferenza Programmatica di Fiavet a Chianciano Terme con le urgenze dettate dalle vicissitudini legate al Coronavirus,  intende assicurare ai propri associati che sarà messa in campo ogni necessaria azione di tutela verso gli operatori del turismo, sopratutto nei tavoli con il Ministero in cui Fiavet Nazionale sta rappresentando gli imprenditori della categoria.

Stamattina è stato approvato un ulteriore decreto di aggiornamento del D.L. 23 febbraio 2020, n. 6 contenente “Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da CODIV 19”, pubblicato sulla G.U n. 45 del 23.02.2020.

Ad oggi la “sospensione dei viaggi d’istruzione organizzati dalle istituzioni scolastiche del sistema nazionale d’istruzione, sia sul territorio nazionale sia all’estero, per cui troverebbe applicazione la disposizione di cui all’articolo 41, comma 4, del decreto legislativo 23 maggio 2011, n. 79”  è valida per tutto il territorio nazionale fino al 15 marzo 2020.

Come è noto, in Trentino sono inoltre sospese "le gite di istruzione al di fuori del territorio provinciale sul territorio italiano" con ordinanza del Presidente della Provincia del 22 febbraio 2020, per cui abbiamo chiesto chiarimenti considerata anche l'assenza di una temporalità delle sospensioni.

La Fiavet Nazionale sta cercando di portare avanti un intervento unitario affinché, innanzitutto, nei redigenti decreti siano evitati equivoci che producano aree grigie sull’effetto territoriale e temporale del Decreto. Poi, la richiesta di proclamazione dello stato di crisi del settore, che possa produrre effetti per provvidenze economiche per le imprese ed ammortizzatori sociali per i dipendenti delle imprese interessate.

L’impegno di Fiavet Trentino Alto Adige sarà volto a monitorare costantemente l’evolversi della situazione e ad assicurare, unitamente alle altre sigle di rappresentanza sindacale, una comunicazione il più precisa e tempestiva possibile a garanzia dei diritti dei propri associati.