Salta al contenuto principale
foto4
foto3commercio al dettagliofoto1

INSIEME,

troviamo soluzioni

 
comprimi barra di ricerca
 

Briciole di pane

Home / Contributo a fondo perduto: novità del Decreto Sostegni

Contributo a fondo perduto: novità del Decreto Sostegni

02/04/2021 da Ufficio stampa

L’articolo 1, D.L. 41/2021, prevede un contributo a fondo perduto a favore di imprese e professionisti, la cui domanda deve essere trasmessa all’Agenzia delle entrate nel periodo: 30 marzo 2021-28 maggio 2021. 

Per accedere al contributo a fondo perduto devono essere rispettati i seguenti requisiti:

  • aver conseguito nel 2019 ricavi/compensi non superiori a 10 milioni di euro;
  • ed aver registrato nel 2020 un calo mensile medio del fatturato e dei corrispettivi rispetto al 2019 di almeno il 30%.

Il contributo può essere richiesto:

  • da parte degli esercenti attività d’impresa/professionisti e dai titolari di reddito agrario, titolari di partita Iva;
  • dagli enti non commerciali, compresi gli enti del terzo settore e gli enti religiosi civilmente riconosciuti, in relazione allo svolgimento di attività commerciali.

Sono esclusi dal contributo:

  • i soggetti la cui attività risulti cessata alla data del 23 marzo 2021;
  • i soggetti che hanno attivato la partita Iva a partire dal 24 marzo 2021.

La percentuale del contributo dipende dall’ammontare dei ricavi e corrisponde:

  • 60%: se i ricavi e compensi del 2019 non sono superiori a 100.000 euro,
  • 50%: se i ricavi e compensi 2019 sono superiori a 100.000 euro ma non superiori a 400.000 euro,
  • 40%: se i ricavi e compensi 2019 sono superiori a 400.000 euro ma non superiori a 1 milione di euro,
  • 30%: se i ricavi e compensi 2019 sono superiori a 1 milione di euro e fino a 5 milioni di euro,
  • 20%: se i ricavi o compensi 2019 sono superiori a 5 milioni e fino a 10 milioni di euro.

Per quantificare l’importo del contributo a fondo perduto la formuala è la seguente:

[ (fatturato 2019 : 12) – (fatturato 2020 : 12) ] x percentuale commisurata ai ricavi

La misura minima del contributo è pari a: 1.000 euro per le persone fisiche e 2.000 euro per le società.

Il contributo non è tassato e può essere richiesto con due modalità alternative: 

  1. mediante accredito sul conto corrente;
  2. sotto forma di credito d’imposta.

Tale scelta interessa l’intero importo del contributo.

Informazioni
Servizimprese CAF Srl - dott. Mauro Longo (tel. 0461/880400)