Salta al contenuto principale
foto4

foto2

foto3foto1

INSIEME,

troviamo soluzioni

 
comprimi barra di ricerca
 

Briciole di pane

Home / Le nuove disposizioni del dpcm 18 ottobre 2020 che interessano ristoranti

Le nuove disposizioni del dpcm 18 ottobre 2020 che interessano ristoranti

Le disposizioni si applicano a fare data dal 19 ottobre 2020 e sono efficaci fino al 13 novembre 2020

21/10/2020

 Le disposizioni del nuovo provvedimento, integrano e modificano il DPCM 13 ottobre 2020, si applicano dalla data del 19 ottobre 2020 e sono efficaci fino al 13 novembre 2020.

Nel nuovo DPCM si precisa che:REGOLAMENTO

le attività dei servizi di ristorazione  (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) sono consentite dalle ore 5.00 sino alle ore 24.00 con consumo al tavolo, e con un massimo di sei persone per tavolo, e sino alle ore 18.00 in assenza di consumo al tavolo;

resta sempre consentita la ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto, nonché la ristorazione con asporto fino alle ore 24con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze. Tutte le attività dei servizi di ristorazione devono essere svolte nel rispetto dei relativi protocolli. Continuano ad essere consentite le attività delle mense e del catering continuativo su base contrattuale, che garantiscono la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro;

gli esercenti devono esporre all’ingresso del locale un cartello riportante il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente; tale numero massimo deve essere stabilito secondo i criteri definiti nei protocolli e nelle linee guida vigenti.

Per quanto riguarda l’indicazione del numero massimo di avventori, la FIPE Nazionale ritiene che lo stesso possa essere calcolato, partendo dal layout del locale, come se al singolo tavolo fossero tutti conviventi (o comunque persone che, in base alle disposizioni vigenti, non siano soggetti al distanziamento  interpersonale), rimanendo salvo l’onere a carico dell’esercente di garantire il distanziamento di almeno 1 metro tra i clienti che non siano conviventi.

Diversamente, per le attività in cui non sia possibile effettuare consumo ai tavoli, è bene che il numero massimo fino alle ore 18.00 sia calcolato garantendo il distanziamento interpersonale di almeno 1 metro tra gli avventori;

 

N.B.: sarà nostra cura informare gli operatori interessati di eventuali ulteriori prescrizioni/indicazioni che venissero adottate con provvedimento provinciale.

In allegato alla presente comunicazione forniamo:

- cartello obbligatorio da esporre, indicante il numero massimo di persone ammesse nel locale

 

La Segreteria dell’Associazione rimane a disposizione, un cordiale saluto.